Sanzionato per un errore nel 730, miranese risarcito dal Caf di un sindacato

(Mestre, 30 maggio 2014) Aveva ricevuto una sanzione da 160 euro in seguito ad un controllo dell’Agenzia delle Entrate per un errore nella compilazione del Modello 730. L’imprecisione però era imputabile al Caf di un sindacato che era stato incaricato alla redazione della dichiarazione dei redditi per il 2011.

Un cittadino residente a Mirano (VE), certo della propria buona fede, si è rivolto all’Adico, Associazione Difesa Consumatori, a Mestre, per vedersi riconoscere il rimborso dell’importo che aveva comunque dovuto pagare all’Agenzia delle Entrate. Lo staff legale dell’Associazione ha proceduto con diffida nei confronti dell’ufficio Caf di Mirano, il quale lo scorso aprile ha finalmente riconosciuto la propria responsabilità. Il socio Adico ha così ottenuto il rimborso che gli spettava di diritto.

In casi di questo tipo è consigliato rivolgersi allo Sportello Risarcimento Danni dell’Adico, per informazioni o per fissare un appuntamento chiamare al numero 041.5349637 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30.

 La responsabilità sull’esattezza dei conti e sulla correttezza nella compilazione dei quadri – ricorda il presidente dell’Adico, Carlo Garofolini – è sempre e solo del Caf, o comunque del professionista a cui la persona si è rivolta. Per questo se dovesse arrivare un accertamento dovuto ad errori di compilazione o di calcolo, oppure se si scopre di aver pagato di più perchè non sono state applicate tutte le detrazioni previste si ha il diritto ad essere risarciti. Con l’occasione – conclude Garofolini – ricordiamo che, per sicurezza, sarebbe sempre bene conservare i documenti fino al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione”.

Adico- risarcimento da Caf per sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *