“Firmando questo foglio evitate i rincari di ottobre nelle bollette”. Ecco il nuovo raggiro dei venditori di luce e gas per trovare clienti. In pochi giorni Adico ha ricevuto tre segnalazioni da altrettanti anziani mestrini

MESTRE. Era già tutto previsto, cantava Riccardo Cocciante agli inizi degli anni 80. E allora, facendo il verso a uno dei più grandi cantautori italiani, lo diciamo anche noi: era già tutto previsto, anche se mai e poi mai ci saremmo aspettati una rapidità simile.  Stiamo parlando dei rincari delle bollette previsti a partire dall’ 1 ottobre e delle conseguenze che noi avevamo paventato e che già si sono materializzate. Di cosa stiamo parlando? Dei call center che si dedicano alla vendita di contratti di luce e gas e che, a partire dalla scorsa settimana, hanno iniziato a “tartassare” gli utenti con una promessa a dir poco irrealizzabile: firmare un foglio che permette di mantenere le tariffe inalterate, senza alcun rincaro. Il tutto, per potersi presentare a casa dei potenziali clienti cercando di portare a casa un contratto e la relativa provvigione. “Purtroppo ce lo aspettavamo – commenta desolato Carlo -. Non sapevamo quale sarebbe stata la tecnica utilizzata ma ora grazie alle segnalazioni degli utenti, siamo venuti a conoscenza di questo escamotage. Ma ce ne saranno molti altri”.  

La scorsa settimana tre anziani mestrini – due dei quali nostri soci e già vittime di raggiri da parte di venditori porta a porta – hanno contattato Adico per raccontare appunto di aver subito questo tipo di approccio, risultato da subito molto sospetto. “Nessuno può promettere di bloccare gli aumenti delle tariffe previsti dall’ 1 ottobre – continua Garofolini – i rincari sono imposti dal mercato e definiti poi dall’Arera, nessuna azienda può sottrarsi a meno che non decida di lavorare in grave perdita.  Siamo convinti che la scusa dell’annunciato aumento sarà sfruttata dai venditori più furbi, quelli che già ora inventano pretesti di ogni tipo per portare a casa un contratto”.

L’escamotage legato ai rincari si aggiunge dunque agli altri quattro raggiri più frequenti che abbiamo segnalato già tempo fa e che riproponiamo per mettere in guardia i consumatori/utenti.

OFFERTE IN SCADENZA. Viene proposto un prezzo migliorativo in virtù di una scadenza contrattuale di cui il diretto interessato non sarebbe a conoscenza.

FATTURE ECCESSIVE. L’operatore dice al cliente che sta pagando troppo e che potrebbe risparmiare cifre considerevoli passando ad altro fornitore o cambiando il piano tariffario.

ERRORI DI FATTURAZIONE. Il finto operatore fa credere al cliente che, per un errore di fatturazione, questi abbia diritto a un rimborso. Con tale pretesto vengono richiesti i dati del contratto di cui solo l’utente e il suo fornitore sono a conoscenza.

PASSAGGIO AL MERCATO LIBERO. (modalità sempre più diffusa). Viene notificato o comunicato al cliente che la fine del mercato tutelato e imminente quando invece il termine è slittato ancora una volta e ora è fissato per il 2023. L’utente viene dunque invitato a scegliersi un fornitore sul mercato libero con il quale attivare un nuovo contratto.

2 risposte

  1. Si capisco le aziende che tirano l’acqua al proprio mulino in modo molto discutibile però quando il popolo italiano comincera a svegliarsi e smetterà di credere a tutte le puttanate che dicono????

    1. Salve signor Costantini, tenga conto che le vittime preferite hanno più di 80 anni e molti di loro non hanno la capacità di intercettare le possibili truffe.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *