SLITTA L’AUMENTO DELL’IVA MA NEL 2018 PUO’ SALIRE AL 25%

Secondo una bozza della manovra, dal 2018 l’Iva al 10% salirebbe al 13% e quella al 22% salirebbe al 25%. Per quest’ultima poi vi sarebbe un ulteriore incremento dal 2019, pari allo 0,9%.

L’aumento delle aliquote Iva del 10 e del 22% non avverrà nel 2017, come inizialmente previsto, ma sarà attuato dall’ anno successivo. E questo proprio perché sono state disattivate le clausole di salvaguardia della precedente finanziaria. Dal 2018 però – secondo una bozza che ha visionato l’Ansa -, i rincari sarebbero così ripartiti: l’Iva al 10% salirebbe al 13% e quella al 22% salirebbe al 25%. Per quest’ultima poi vi sarebbe un ulteriore incremento dal 2019, pari allo 0,9%.

Immediata la replica di Confcommercio: attraverso una nota del suo Ufficio Studi, la Confederazione fa sapere che “se venissero confermate le indiscrezioni sull’aumento dell’Iva nel 2018 e nel 2019, il Paese dovrebbe prepararsi a una prolungata stagnazione, che nessun incentivo agli investimenti potrebbe scongiurare”. “Dalle indiscrezioni trapelate sembrebbe che nel 2018 le maggiori imposte indirette ammonterebbero a oltre 19 miliardi di euro per arrivare a circa 23 miliardi nel 2019. Contestualmente, le aliquote nominali dell’Iva – già elevate nel confronto internazionale – porterebbero l’Italia ai vertici mondiali. Un record pernicioso per i consumi e per la crescita”.

“Al di là di ipotesi fantasiose – conclude l’Ufficio Studi – sugli effetti della traslazione degli incrementi sui prezzi al consumo, il paventato drenaggio di risorse dal settore privato a quello pubblico, configurando una politica fiscale fortemente restrittiva, vanificherebbe da subito, attraverso l’ulteriore calo di fiducia, i notevoli sacrifici fatti, in questi lunghi anni di crisi, dalle imprese e dalle famiglie italiane per assicurarsi un futuro più sereno dentro la comunità internazionale”.

Fonte: QuiFinanza.it

 

Una risposta

  1. I.V.A. è l’iposta più iniqua di tutte è un vero pizzo imposto dallo stato ai suoi (sudditi) basterebbe abolirla e il P.I.L del paese avrebbe un incremento dal 4/5% in oltre sieliminerebbe l’evasione fiscale del 50% circa. E una cosa elementarew molto semplice da fare oltretutto a costo zero. Purtroppo in Italia le cose semplici utili e convenienti non si possono o meglio non si devono fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.