“Stop alle multe per mancata comunicazione del conducente”. L’appello di Adico al governo per modificare le sanzioni stradali con decurtazione dei punti

“Stop alle multe per mancata comunicazione del guidatore”. E’ un appello accorato quello che Adico lancia al governo, in considerazione anche del grave momento di crisi economica e sanitaria che sta vivendo il nostro Paese. Un appello che deriva dalle tante richieste di informazione e di assistenza da parte di automobilisti che si ritengono vessati dalla polizia municipale e dai Comuni. La questione è annosa e merita di essere affrontata. Quando un automobilista viola il codice dalla strada con una infrazione che prevede, oltre alla multa, pure la decurtazione dei punti della patente (eccesso di velocità oltre i 10 chilometri rispetto ai limiti, passaggio col rosso e quant’altro) riceve com’è ovvio la notifica della contestazione. Nella stessa, oltre alla richiesta del pagamento, si trova un box che riporta la scritta “pena accessoria” che specifica quanti punti verranno tolti dalla patente in relazione all’irregolarità commessa. Fino a qui, nulla di strano. Girando il foglio, però, si trova la richiesta di comunicare entro 60 giorni il nome di chi era alla guida della vettura. E qui arriva l’inghippo. “Alcuni automobilisti non conoscono questo passaggio, molti invece credono di non dover fare nulla se erano loro alla guida – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Quindi pagano la sanzione e attendono la decurtazione dei punti. Invece, purtroppo, le cose non stanno così. La persona multata deve infatti comunicare chi era alla guida, in ogni caso. Se non lo fa, entro due mesi si vedrà comminare un’altra multa, oltre a quella già ricevuta, proprio per mancata comunicazione del conducente. E stiamo parlando di somme davvero rilevanti. Non sappiamo se c’entri la pandemia, ma in questo periodo stiamo ricevendo diverse richieste d’aiuto a riguardo. Il problema è che non si può fare nulla, se non lanciare appunto un appello affinché si modifichi il codice della strada”. Adico, dunque, chiede una cosa molto semplice. “Se non viene comunicato il nome del conducente – conclude Garofolini – si deve dare per scontato che sia lo stesso intestatario della vettura. A questo punto, si decurtino i punti ma senza infierire ulteriormente con una nuova sanzione che si presenta come una vera e propria beffa. Non è poi così difficile a meno che non ci sia sotto una strategia per fare cassa”.  

20 risposte

  1. non sono proprio d’accordo, la macchina che guido è intestata a mia nonna che non ha patente…. un intestatario di mezzi non deve avere per forza anche una patente – magari si può permettere un autista

  2. Sono d’accordo. Se il proprietario del mezzo e’ anche il guidatore potrebbe valere il silenzio – assenso, e scritto nella notifica, se invece il guidatore e’ un altro, obbligo invio dei dati e nella notifica sia ben visibile l’importo da pagare in caso di mancato invio.

    1. Esatto signor Claudio, è esattamente la nostra posizione. Se no davvero si aggiunge la beffa al danno, fermo restando che è giusto pagare per violazioni del codice della strada ma qui si rischia di infierire quando appunto la soluzione sarebbe semplice ed esattamente quella che dice lei: il silenzio assenso.
      Grazie e buona serata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  3. Mi hanno tolto i punti perché ho comunicato i dati del guidatore ma mi hanno anche inviato la multa per non aver comunicato il nominativo entro i 60 gg .. e giusto?

  4. Buonasera volevo sapere in base a cosa mandano la seconda multa? Ho letto che parte da 290€ a 1100€ e volevo sapere su quale base mettono questa seconda multa?

    1. Buonasera Barbara, spero di non essere impreciso ma la ratio parte dal fatto di tutelare il proprietario del mezzo il quale è destinato alla multa per violazioni non contestate al momento. Il problema evidente è che prende la multa anche il conducente proprietario che guida al momento dell’i9nfrazione (fra l’altro eventualità probabilissima). In quel caso secondo noi, quando non viene comunicato il conducente, è sottointeso che sia lo stesso proprietario. Ma evidentemente il governo la pensa diversamente.
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff stampa Adico

  5. Buongiorno, una volta ricevuta e pagata la multa per mancata comunicazione dei dati del guidatore, va comunque inviato il modulo o i punti vengono detratti dalla patente del proprietario? Grazie

  6. Buongiorno, oggi ho ricevuto verbale per mancata comunicazione dei dati guidatore relativamente al primo verbale del 01/04/2022 quando avevo inviato regolare email (allegando il loro modulo compilato e copia fronte retro della mia patente) 4 giorni dopo la notifica all’inidrizzo indicato “verbali.cmmi@pec.it”, non ho parole. E l’unica cosa che indicano come ricorso è una vaghissima raccomandata al giudice di pace, chissà con quali modalità va inviata e quali documenti occorre allegare affinchè venga anche solo preso in considerazione e non si consideri invece nulla la richiesta per qualche altra irregolarità costringendomi dunque a pagare l’intera somma più eventuali altre penali per scadenza termini di pagamento ecc. E’ davvero ingiusto che la loro incompetenza diventi un nostro problema.
    Cordialmente,
    Diego Berruero

    1. Salve signor Diego, come sa noi siamo TOTALMENTE contrari e contrariati da questa norma del codice stradale. Non sa quanta gente prende multe per questa assurda regola. Ha ragione, il ricorso al giudice rischia di essere una perdita di tempo e di soldi. Mi resta però un dubbio…lei comunque ha inviato la comunicazione, giusto? Se l’ha inviato con mail semplice temo possa non avere valore legale, però questo passaggio non l’ho capito quindi se vuole ci ricontatti allo 041-5349637 (dal lunedì al venerdì 9-13 e 15-19).
      Le auguro intanto una buona serata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  7. Il giorno 20/05/2022 presi un verbale di 45,08€ notificata ,con la solita raccomandata busta vede il giorno il giorno 08/06/2022 ritirata il giorno 11/06/2022 e pagata lo stesso giorno. il giorno 17/10/2022 il postino mi consegna altro verbale ,per mancata comunicazioni dei dati e patente di 219,99€ con notifica del comune di Grugliasco (TO) il giorno 07/10/2022. Ora che dovrei fare pagare questa ridicola multa, e se pago devo comunicare i miei dati, fotocopia della patente, onde evitare di pagare altre ammende. Pura estorsione, alla grande come sempre l’automobilista subisce. Grazie mille . Distinti saluti.

    1. Salve Roberto, inutile che le dica che condivido in pieno il suo commento. In linea di massima non dovrà comunicare nulla quando pagherà questa sec onda sanzione (e questo sembra assurdo, visto che ci si attenderebbe sanzione + richiesta dei dati non comunicati). Per avere la certezza di questo, però, la invito a contattare la Polizia municipale del suo Comune, per scongiurare la possibilità che magari a Grugliasco ci si ,uova diversamente.
      Le auguro intanto una buona serata.
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  8. Buona sera, ho ricevuto un verbale che ho pagato comunicando dopo 15 giorni i dati conducente. Dopo qualche mese mi arriva il verbale di mancata comunicazione dati. Come devo comportarmi? Grazie

    1. Salve, il mio consiglio è ovviamente quello di inviare o una pec o una raccomandata con ricevuta di ritorno al mittente (suppongo sia la Polizia Municipale) contestando il fatto di aver comunicato già i dato del conducente. Sarebbe fondamentale che avesse qualche prova di ciò, una ricevuta, una mail, che testimonino appunto che ha aveva già comunicato quanto richiesto.
      Nel caso, ci contatti allo 041-5349637 (dal lunedì al venerdì 9-13 e 15-19).
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  9. salve vorrei farvi un quesito ho ricevuto un verbale per superamento dei limiti mentre ala guida vi era una persona moldava che era interessato all’acquisto del mio veicolo. entro i termini ho pagato e fornito tutti i dati anagrafici del conducente e della sua patente tranne la fotocopia della che era in suo possesso e non potevo averla io e attestarne la copia conforme. dopo poco tempo mi è stato notificato un verbale ai sensi dell’art 126 bis del cds perche mi si contestava “di non aver comunicato i dati del conducente e della patente ,cosa alla quale ho ottemperato ripeto senza allegare copia della stessa. Domanda è legittimo tale verbale o posso chiederne l’annullamento. Grazie per la cortesia e disponibilità.

    1. Salve signor Roberto la sua è una storia particolare ma temo che non ci sia molto da fare perché, anche facesse ricorso, le direbbero, volendo fare un sunto cinico, che non è un problema loro. Consiglio: provi lo stesso a sentire la Polizia Municipale manifestando la problematica, magari ci sono delle scappatoie che, in questo caso molto specifico, a me non sono note.
      Mi spiace non poter essere più preciso ma è un caso che non ci è mai capitato.
      Le auguro intanto una buona giornata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.