TROPPE MULTE SUL PONTE DELLA LIBERTA’, ADICO CHIEDE RILEVATORI LUMINOSI DI VELOCITA’ PRIMA DEGLI AUTOVELOX

VENEZIA. Gli autovelox del ponte della Libertà? Vere e proprie slot machine mangiasoldi,  “trappole” che puniscono eccessivamente soprattutto chi corre qualche chilometro sopra il limite di tolleranza (75 chilometri orari). E’ questo il pensiero di molti automobilisti veneziani che anche di recente si sono rivolti alla nostra associazione dopo essere stati immortalati una o più volte da quegli occhi elettronici. In tale contesto, Adico lancia un appello all’amministrazione comunale veneziana affinché posizioni lungo la strada, prima degli autovelox, i display luminosi che rilevano la velocità, in modo che l’automobilista abbia la possibilità di rallentare e di portarsi sotto i 75 chilometri orari. “Questo accorgimento – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – favorirebbe solo chi sta correndo qualche chilometro sopra la soglia di tolleranza dato che chi corre molto veloce non fa comunque a tempo a rallentare. La nostra proposta, che nasce dai suggerimenti di alcuni soci multati dall’autovelox per aver corso qualche chilometro sopra la soglia, mira ad evitare salassi a chi non li merita. Sappiamo che la strada è disseminata di cartelli che indicano la presenza degli autovelox ma molte volte l’automobilista concentrato sulla guida non li nota e dimentica la presenza delle telecamera. Considerando che il limite di velocità passa rapidamente dai 90 ai 70 chilometri orari, succede che in molti non si rendano conto della situazione. Un display luminoso li aiuterebbe di sicuro. A nostro avviso la pubblica amministrazione dovrebbe tenere un comportamento attento alla tutela dei cittadini mettendo in atto tutte le possibili soluzioni al fine di evitare che il cittadino stesso incorra in errori molto frequenti e quindi venga ripetutamente sanzionato. Il segnalatore con display luminoso ricorderebbe piu’ efficacemente l’obbligo di controllare la velocità aumentando la sicurezza stessa della circolazione. E dimostrerebbe che gli occhi elettronici non servono solo per fare cassa. Tutelare efficacemente la sicurezza dei cittadini – conclude Garofolini – non passa attraverso le sanzioni ma va perseguito con supporti che aiutino gli automobilisti stessi  ad essere più diligenti alla osservanza del codice della strada”. In attesa di una risposta da parte dell’amministrazione, l’associazione sta valutando la possibilità di avviare una raccolta di firme per richiedere i rilevatori di velocità luminosi lungo il Ponte della Libertà.

2 risposte

  1. Da sempre il Ponte della libertà e rischioso per gli automobilisti, anche prima dei lavori del tram. Presi all epoca una sanzione molto salata con la decurtazione di 6 punti della patente perché aumentai la velocità a 92 chilometri orari poche decine di metri prima del cartello che consentiva il passaggio dai 70 ai 90. Fu considerata guida pericolosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *