Truffa del finto sms, Adico chiede un incontro alla banca San Paolo per cercare una…Intesa

MESTRE. Non sono bastate le denunce dell’Adico e le richieste di un intervento risolutivo da parte della banca. La truffa del finto sms a nome dell’istituto di credito Intesa San Paolo, continua imperterrita a mietere vittime tanto che la triste contabilità delle persone che si sono rivolte all’associazione denunciando il raggiro, annovera ormai 123 correntisti (nel 70% dei casi, veneziani) e la cifra totale sottratta dai vari conti supera i 500 mila euro. Ma le richieste di assistenza provenienti da ogni parte d’Italia proseguono quotidianamente senza soluzione di continuità.

Proprio in considerazione di ciò, Adico chiede un incontro all’istituto di credito torinese le cui responsabilità e leggerezze in questo raggiro sono evidenti e dimostrabili. L’incontro ha più scopi. In primis, intimare a Intesa San Paolo di intervenire in modo definitivo per fermare questo raggiro, figlio di sistemi di sicurezza deficitari se non totalmente inadeguati. In più, l’appuntamento fornirebbe l’occasione per trovare un accordo con i soci disponibili a una mediazione. “Leggiamo ogni giorno notizie su banca Intesa – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’associazione – piani di assunzioni, ricchi dividenti e quant’altro. Chiediamo ai vertici dell’istituto di occuparsi ora del loro più importante patrimonio: il cliente. Tanti stanno perdendo la fiducia, tanti sono delusi, tanti pensano di portare il proprio conto corrente altrove. Davvero la banca vuole continuare a far finta di niente, affibbiando tutte le responsabilità alle stesse vittime? Hanno capito come funziona questa truffa, che sfrutta in modo evidente tutte le falle del sistema di sicurezza dell’istituto?  Si stanno chiedendo come mai tante persone, di tutti i generi, di tutte le professioni, di tutte le età e in ogni parte d’Italia, vengano fregate da questo raggiro? Ora – continua Garofolini – è il momento di sederci tutti attorno a un tavolo per trovare soluzioni condivise, mirate a scongiurare nuove azioni legali da parte della nostra associazione nei confronti di Intesa San Paolo. Credo che gran parte delle posizioni seguite dal nostro ufficio legale, potrebbe essere affrontata con esiti positivi proprio attraverso un confronto concreto e proficuo fra le vittime della truffa, assistite da Adico, e la banca”.

15 risposte

  1. Bene io faccio parte di uno dei clienti colpiti,dopo quasi 20 anni cliente correntista con c/c impresa individuale.
    Da come è stato il raggiro,io sono sempre piu’ convinta che sono persone che ci lavorano dentro nella zona di Castellamare di Stabbia e Torre Del Greco,cosi’ sono le località segnalatemi dal gestore della Banca per i prelievi Cardless e bonifico E commerce.

    1. Salve signora Lia, il suo è un sospetto che in realtà pervade gli animi di molte delle persone truffate proprio per la metodologia dell’inganno. Ci auguriamo vivamente che le cose non stiano così in ogni caso questo lo dovranno stabilire le Forze dell’Ordine. Noi continueremo a testa bassa a richiedere il rimborso alla banca e lo faremo sia con l’azione legale che con quella mediatica.
      Intanto le auguro una buona giornata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

      1. Grazie Gianluca , proprio oggi ho avuto contatto con voi a fronte della mia richiesta e varie documentazioni allegate . Confido in voi e nella giustizia .
        Fra l’altro le somme sono elevate .
        In totale a me sarebbero stati circa € 15.000 fra carte bonifici e prelievi ! Banca Intesa è troppo digitale e senza avere le carte fisiche possono addirittura prelevare da ATM , con Cardless , servizio che non sapevo nemmeno di avere poiché non ne ho mai avuto necessità . Alte Banche lo hanno soppresso! Chissà come mai !!!
        Comunque oggi ho fatto una pec per l’immediata chiusura del c/c dopo che ho aspettato il fine mese per cacciare fuori altro €3000 che mi erano stati accreditati è proprio oggi a fronte del disconoscimento, riaddebitati , senza dire o informarmi .
        Mi domando ma l’Arbitro Bancario è intervenuto per cose ben minori !!! Vi inoltro il gentile sms che stasera alle 11 circa la banca mi ha inviato !
        NO COMMENT!
        Saluti e Grazie di esserci

        1. Salve signora Lia, ha fatto benissimo a chiudere il conto corrente in banca Intesa spero lo facciano tutti i truffati.
          Faremo tutto il possibile per ottenere giustizia, sia a livello mediatico che legale.
          Intanto le auguro una buona giornata
          Gianluca Codognato
          uff. stampa Adico

    1. Salve signora Iolanda, grazie mille. Devo dirle che ci chiamano continuamente, ogni giorno. E persone di ogni genere, età e professione per denunciare la truffa. Continueremo senza sosta anche perchè ormai stiamo seguendo circa 150 soci i quali meritano risposte e giustizia.
      Naturalmente vi aggiorneremo su tutto.
      Un saluto
      Gianluca codognato
      uff. stampa Adico

  2. ma la banca ha paura di indagare sulle filiali dei”napoletani”? sono in societa’ con i camorristi?

    1. SAlve signor Giuseppe, pubblico il suo intervento, decisamente FORTE, perchè è condito da due punti di domanda e le domande sono comunque legittime. Attendiamo che le immagini facciano il loro corso e intanto continuiamo a perseguire l’obiettivo di ottenere i risarcimenti per i soci.
      UN saluto
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  3. Anche io sono vittima di questa truffa. Di sabato sera ho ricevuto una telefonata dal n. Verde di intesa San Paolo, unico numero contattabile nel fine settimana. Non possono far finta di niente. Spero in Adico, grazie

    1. Grazie Roberta, in tutta Italia la truffa sta mietendo vittime di ogni tipo, di tutti i generi, le età, le professioni. Come dice lei, non si può fare finta di nulla. IO mi auguro anche in una sempre più massiccia visibilità nazionale, non fosse così significherebbe che la banca ha più potere dei cittadini.
      SE ha bisogno ci contatti allo 041-5349637 dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19.
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

    1. SAlve, un sms (ma a volte anche una mail) del tutto identiche a quelle inviate solitamente da Intesa e contenenti messaggi in cui si comunicano movimenti anomali nei propri conti. Quello è l’inizio della truffa i cui ingegnosi meccanismi sono descritti, per quanto possibile, nei nostri numerosi articoli. SE avesse bisogno, ci contatti pure allo 0415349637 (dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19.)
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa ADdico

  4. Salve anche io truffata con il finto sms sono correntista da piu di vent’anni e non mi era mai successa una cosa del genere…. sono convinta che con questa app le cose siano peggiorate….. trovo assurdo e non credo al fatto che la Banca Intesa non possa mettere fine a queste truffe sono sicura che sono coinvolti anche loro.

    1. Salve signora, sono totalmente d’accordo con lei e in affetti ci pare anomalo che questa truffa denunciata ormai da tempo non trovi riesca a essere risolta dalla banca in modo definitivo. Resta la questione delle vittime del raggiro per le quali metteremo in campo tutte le nostre forze per ottenere il risarcimento di quanto sottratto dai malviventi. SE avesse necessità ci contatti pure allo 0415349637 (dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19.)
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa ADdico

  5. Anche io ne sono vittima con SMS da gruppo ISP e successiva chiamata dal numero verde. È dal 1/12/2020 che l’ho subita in quanto tramite SMS con l’inganno mi hanno fatto autorizzare ben 3 bonifici istantanei di quasi 1500€ l’uno. Il buon fine è stato negativo e riaddebitati il 19/01/2021 ora mi sono affidato a una associazione del mio comune per un intervento dell’arbitro bancario. Mi è stato detto che nelle migliori delle ipotesi dovrò accettare un rimborso parziale fra qualche mese e la cosa mi resta indigesta perché dovrebbero riconoscere la loro responsabilità al 100% in quanto non hanno alcuna protezione di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *