VENDERE ACQUA ESPOSTA AL SOLE E’ REATO

Tolleranza zero nei confronti di chi conserva esposte al sole le confezioni d’acqua destinate alla vendita, anche se per un breve lasso di tempo: scatta, infatti, il reato di detenzione per la vendita di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione.

L’acqua, “prodotto alimentare vivo”, non diversamente da altri liquidi alimentari (es. olio o vino), rischia di subire modificazioni a causa dall’esposizione alle condizioni atmosferiche esterne. I raggi del sole, ad esempio, possono alterare chimicamente i contenitori e di conseguenza il loro contenuto mettendo a rischio la salute dei consumatori.

Questa la conclusione a cui è giunta la Corte di Cassazione, terza sezione penale, nella sentenza n. 39037/2018 (qui sotto allegata) respingendo il ricorso di un commerciante e confermando la sua condanna alla pena di € 1.500,00 di ammenda per il reato ex art. 5 legge 283/1962.

Nel dettaglio, questi aveva detenuto per la vendita, in cattivo stato di conservazione, più confezioni di acqua esponendole alla luce solare nel piazzale antistante al suo deposito. In Cassazione, tuttavia, la difesa ritiene che il reato contestato sussista solo se l’acqua sia rimasta in contatto con la luce per un periodo di tempo utile a ingenerare la cattiva conservazione.

Nel caso in esame, invece, si eccepisce che le confezioni d’acqua fossero rimaste al soleper un lasso di tempo breve al fine di consentire di posizionare nel deposito le “nuove” confezioni di acqua appena arrivate. Ancora, soggiunge la difesa, il “cattivo stato di conservazione” fa ritenere che la merce debba subire un deterioramento temporale, altrimenti, qualunque esposizione al sole sarebbe nociva.

Secondo il Tribunale, invece, non poteva escludersi il pericolo di contaminazione dovuto all’esposizione all’aria e alla luce del sole, indipendentemente dalla durata dell’esposizione.

La Cassazione rammenta che la contravvenzione di cui all’art. 5, lett. b), L. n. 283/1962 è un reato di pericolo presunto con anticipazione della soglia di punibilità per la rilevanza del bene protetto (la salute), sicchè il reato si concretizza anche senza l’effettivo accertamento del danno al bene protetto (cfr. Cass. n. 36274/2016).

Il reato di detenzione per la vendita di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione, spiegano gli Ermellini, è configurabile quando si accerti che le concrete modalità della condotta siano idonee a determinare il pericolo di un danno o deterioramento dell’alimento, senza che rilevi a tal fine la produzione di un danno alla salute, attesa la sua natura di reato a tutela del c.d. ordine alimentare, volto ad assicurare che il prodotto giunga al consumo con le garanzie igieniche imposte dalla sua natura (Cass., n. 40772/2015).

Il cattivo stato di conservazione degli alimenti può essere accertato senza necessità di specifiche analisi di laboratorio, ma sulla base di dati obiettivi (ad esempio il verbale ispettivo, la documentazione fotografica o la prova testimoniale) ed è ravvisabile nel caso di evidente inosservanza di cautele igieniche e tecniche necessarie ad assicurare che le sostanze alimentari si mantengano in condizioni adeguate per la successiva somministrazione.

Fonte: StudioCataldi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.