Socio di Quarto D’Altino (Ve) acquista un mobile difettoso: l’Adico diffida il produttore

Prima o poi capita a tutti d’incappare in un acquisto sfortunato, di arrivare a casa tutti contenti per scoprire invece con delusione che qualcosa non va come previsto. Ci si ritrova con un bene di consumo difettoso o malfunzionante tra le mani e la speranza, troppo spesso disillusa, di essere rimborsati. Cosa fare in questi casi? Non abbattersi e rivolgersi il prima possibile allo sportello Risarcimento Danni dell’Adico, in via Volturno a Mestre. I legali dell’Associazione Difesa Consumatori valuteranno il vostro caso e vi forniranno tutta l’assistenza necessaria per venirne a capo.
Come è successo al signor Giorgio Folin che nel maggio del 2012 ha acquistato al prezzo di 1.800 euro una composizione da soggiorno in frassino da un punto vendita di Quarto D’Altino, in provincia di Venezia. La credenza al centro della composizione però si è rivelata in breve tempo difettosa, tanto che era addirittura impossibile aprire il cassetto. In poche parole il bene era inutilizzabile. Il negozio di Quarto D’Altino, sollecitato a intervenire per la riparazione, o eventualmente la sostituzione dell’armadio, ha fornito risposte evasive. A questo punto il signor Folin si è rivolto all’Adico che ha deciso di inviare una diffida direttamente al produttore chiedendo la sostituzione della parte difettosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *