Volo saltato per emergenza Coronavirus, arriva un voucher da 2 mila 500 euro per 14 viaggiatori veneziani che si sono rivolti all’Adico

VENEZIA. Tutto bene quel finisce bene, si dice. E la disavventura dei 14 viaggiatori veneziani che a causa del coronavirus hanno dovuto rinunciare alla loro vacanza a Siviglia, è appunto una di quelle storie col lieto fine.  

Grazie all’intervento di Adico, infatti, le sette coppie hanno ricevuto la risposta positiva di Easyjet che ha riconosciuto loro un “flight voucher” del valore di circa 2 mila e 500 euro, ovvero quanto concretamente speso dalle sette coppie per i biglietti. Un risultato non scontato e ottenuto in pochissimo tempo che mette in luce l’importanza di farsi assistere da persone esperte anche nelle fasi di rimborsi che alla fine si rivelano sempre difficili da chiedere (e ottenere).

I soci veneziani dell’Adico dovevano partire il 9 marzo per Siviglia e rientrare il 13. Proprio l’8 marzo però, il governo ha istituito la “zona rossa” nella la provincia di Venezia.  “Il loro volo è regolarmente partito – racconta Garofolini – ma i nostri soci, per non incorrere nelle sanzioni previste, non si sono neanche presentati in aeroporto. Abbiamo scritto a Easyjet che ha emesso un voucher utilizzabile entro sei mesi dall’emissione. In questo caso la proposta è stata accolta dalle sette coppie. Sottolineiamo, però, che secondo noi se i soci avessero voluto il rimborso la compagnia avrebbe dovuto accordarglielo. Su questo punto le compagnie aeree hanno posizioni diverse ma, ripeto, in un caso come questo, dove il volo è comunque partito, l’impossibilità sopravvenuta per i passeggeri è evidente. Nel caso di cancellazione, invece, il rimborso è previsto proprio dalle normative”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *