ASSUNZIONI NELLA SANITA’, VIA LE TASSE SUI CALCIATORI E SUGLI YACHT: LE ULTIME NOVITA’ SULLA MANOVRA

Tre milioni per i cori e le bande musicali, 100mila euro per la società Dante Alighieri che promuove l’insegnamento dell’italiano all’estero, 70 mila euro per il museo della civiltà istriano-fiumano dalmata, 500 mila euro all’istituto Suor Orsola Benincasa e alla fondazione Pagliara di Napoli ma anche al museo Maxxi, un milione al Club Alpino Italiano. L’assalto delle micro norme alla Legge di Stabilità è scattato alla ventesima ora no-stop di confronti, alle 7,30 del mattino. Ed è durato per un’intera giornata. Alla fine si è votato per oltre trentatre ore. Una lunga maratona, tanto che Renato Brunetta (Fi) ha chiesto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di intervenire.
Il plico degli emendamenti approvati è lievitato. Sì, erano stati affrontati i grandi temi della sicurezza, della cultura e della previdenza, dopo aver approvato le norme sulle banche. Ma le opposizioni – da M5s a Lega e Fi – erano riuscite a far saltare tre emendamenti della maggioranza, minacciando un duro ostruzionismo. Se fossero intervenuti su ogni emendamento sarebbero serviti ancora giorni per approdare all’aula di Montecitorio.

Così non è passata la deroga per il nuovo aeroporto di Firenze. Toglieva l’obbligo di Valutazione di Impatto Ambientale (la Via) e di verifica di conformità urbanistica e paesaggistica. «Era un favore di Stato – ha tuonato la Lega – un affare da centinaia di milioni di euro a favore di chi ha in gestione l’aeroporto: Marco Carrai, uno degli uomini più legati a Renzi». È poi saltata un’ulteriore proroga a tutto il 2016 del contratto della gestione del Sistri, che riguarda la raccolta dei rifiuti, alla Selex, società di Finmeccanica. Stop anche al finanziamento di un milione per la fondazione RomaEuropa: «è gestita dalla moglie del deputato Pd Marco Causi» ed ex vicesindaco di Roma dimessosi prima di Marino.

Ecco in sintesi le novità.

OK ASSUNZIONI MEDICI – Assunzioni straordinarie di medici e infermieri con contratti flessibili fino a luglio e prorogabili fino a ottobre, in attesa della ricognizione dei fabbisogni da fare entro marzo, poi concorso straordinario destinato per il 50% ai precari. L’emendamento presentato dal Pd, riformulato e poi trasformato in proposta dei relatori, prevede che le Regioni che ancora non l’hanno fatto intanto predispongano la riduzione dei posti letto (anche accreditati) e, per tutte, che si metta a punto un piano sul fabbisogno del personale, entrambi da trasmettere entro il 29 febbraio. Il concorso straordinario andrà indetto entro il 31 dicembre 2016 e si dovrà concludere entro il 31 dicembre 2017. Previsto anche l’attivazione di strutture di risck management in tutte le strutture sanitarie, sia pubbliche che private. Il monitoraggio e la gestione del rischio clinico era stato già previsto dal decreto Balduzzi del 2012 ed è oggetto anche di un ddl attualmente all’esame delle Camere. La misura viene così anticipata con l’obiettivo di sfruttare le eventuali economie per reperire le risorse per le assunzioni.

– PENSIONI: dal 2016 la no tax area per le pensioni sale a 8000 euro e non ci sarà recupero sulle pensioni del minor costo della vita.

– SICUREZZA: Arrivano i fondi per combattere l’emergenza terrorismo. Le coperture sono state trovate aumentando il deficit dal 2,2 al 2,4%. Il governo mette a disposizione un miliardo, tra cui 150 milioni di euro per contrastare il cybercrime, 50 milioni per gli equipaggiamenti delle forze dell’ordine, 35 milioni di euro per le assunzioni sempre di polizia, carabinieri e guardia di Finanza e 300 milioni per il bonus da 80 euro al mese per le forze dell’ordine. Mobilitati anche i poliziotti che stanno in ufficio e chi è addetto alla scorta. Altre risorse poi sono destinate in particolare al settore della Difesa. Sì anche al credito d’imposta (15 milioni) per favorire l’acquisto da parte di cittadini di impianti di videosorveglianza elettronica.

– CULTURA: Via libera al bonus di 500 euro per i diciottenni da usare per iniziative culturali, tra cui «l’acquisto di libri» e l’ingresso «in aree archeologiche, gallerie e monumenti», oltre che in «musei, mostri, eventi culturali e spettacoli dal vivo». Sì anche a 1000 euro una tantum per l’acquisto di strumenti musicali da parte degli studenti iscritti ai conservatori. E in più i cittadini potranno, dal 2016, destinare il 2 per mille dell’Irpef in favore di una associazione culturale. Il 10% di tutti i compensi incassati invece dalla Siae saranno destinati all’attività di promozione culturale per «garantire la creatività dei giovani autori». Tra i tanti emendamenti approvati anche una proposta che stanzia 120 milioni in 4 anni per la valorizzazione dei beni culturali.

– SALVA- BANCHE: Sul salvagente ai 4 istituti di credito messo a punto dal governo alla Camera è stata battaglia. Passa il dl del governo, arricchito da una serie di misure che parzialmente salvaguardano anche quei risparmiatori che hanno investito nei bond più rischiosi.

– SCUOLA E UNIVERSITÀ: Arrivano fondi per le scuole paritarie e anche per quelle statali (23 milioni circa). Rinviato però di un anno il cosiddetto `school bonus´, vale a dire il credito di imposta per le erogazioni liberali. Aumentato anche il fondo ordinario per gli atenei: 6 milioni in più il prossimo anno, che potranno servire per assumere professori di prima fascia.

– WELFARE: Sale dal 2016 la no tax area per le pensioni, che non verranno ridotte se l’inflazione finisce sotto zero. Novità anche per il congedo obbligatorio di maternità, che d’ora in poi sarà valido ai fini del premio di produttività. Fa poi il suo ingresso, in via sperimentale, il voucher baby sitter esteso alle madri lavoratrici autonome e imprenditrici. La battaglia su `opzione donna´ è invece vinta a metà: ok al pensionamento anticipato ma solo se «dovesse risultare un onere inferiore rispetto alle previsioni». Arriva infine l’indennità di disoccupazione per i co.co.co.

– TANTE ALTRE NOVITÀ, DALLA CASA AI GIOCHI: D’ora in poi sarà possibile comprare la prima casa in leasing, proprio come l’automobile. Ma non solo: dopo le novità introdotte in Senato, a Montecitorio i deputati hanno deciso che anche la seconda casa, posseduta nello stesso Comune in cui si risiede, se data in comodato ai figli godrà dell’esenzione del 50% di Imu e Tasi. Come annunciato sempre durante l’esame a Palazzo madama, rivisto anche il settore dei giochi: insieme a ritocchi sul fronte della tassazione, arriva lo stop alla pubblicità in tv e radio (ma non su internet) dalle 7 alle 22.

– SUD, ARRIVA CREDITO IMPOSTA: Dura 4 anni anni e riguarda per le aziende del mezzogiorno che investono in macchinari, in impianti e in attrezzature per un totale di 2,4 miliardi. Prevista anche la proroga degli sgravi per le assunzioni al 2017 nel caso in cui vengano certificati fondi residui del Pac.

– ECOBONUS: Chi ha un vecchio camper ora lo potrà rottamare e se lo cambia con euro5 potrà beneficiare di un contributo di 8.000 euro. Restando nel campo dell’ ambiente, ok all’ecobonus per sistemi di controllo a distanza del riscaldamento.

– SPIAGGE: Arriva una moratoria per i contenziosi che `salva´ la prossima stagione turistica per gli attuali concessionari, in attesa del riordino complessivo della disciplina.

– STOP SUPERTASSA YACHT LUSSO: Eliminata la `supertassa´ sulle imbarcazioni di lusso introdotta dal governo Monti.

– ADDIO SCONTI PER TIR INQUINANTI: Dal primo gennaio 2016 i veicoli euro 2 o di classe inferiore verranno esclusi dall’agevolazione sulle accise destinata.

– SBLOCCO TURN OVER COMUNI: Via libera alle assunzioni per i comuni che si fondono.

– TESORETTO CANONE RAI: Nel 2016, i 2/3 (quota che poi cala al 50%) del tesoretto che arriverà dal pagamento del canone in bolletta finiranno nelle casse della tv pubblica. Il resto servirà ad ampliare la platea degli over 75 che non devono pagare il balzello e per finanziare radio e tv locali.

– CAFFÈ E PARCHEGGIO CON IL BANCOMAT: Arriva infine, anche se in una versione light, la norma che consente di pagare un caffè con il bancomat. L’obbligo di pos non scatta di fronte a «impossibilità tecniche». Per contro, dal luglio del prossimo anno anche le strisce blu si potranno pagare con la credit card.

– AEROPORTO DI FIRENZE: Niente deroghe paesaggistiche sul nuovo aeroporto di Firenze e niente proroga del contratto per la gestione del sistema dei rifiuti Sistri alla Selex. Sono stati ritirati due emendamenti presentati dai relatori e sui quali le opposizioni hanno dato battaglia, minacciando un ostruzionismo no stop, per tutta la notte

– CIPE: Il comitato interministeriale per la programmazione economica viene ridisegnato con procedura semplificata per l’adozione delle linee di riforma (il Dpcm).

– CALCIO E GP MONZA: Via il “balzello” ad hoc previsto dal fisco per i contratti di compravendita dei calciatori. Viene abrogata la norma che nel testo unico dell’imposta sui redditi obbliga a considerare nell’imponibile da tassare anche il 15% del costo delle attività sostenute per la vendita dalle società sportive. Vi libera al sostegno dell’Aci per il Gran Premio di Monza.

– BANDA ULTRALARGA: Sarà finanziata anche dall’asta delle frequenze.

– VITTIME DELL’AMIANTO: Ammontano a 10 milioni le risorse del Fondo per gli eredi delle vittime dell’amianto previste dall’emendamento approvato dalla Legge di Stabilita. Il ministero del lavoro fisserà le modalità delle prestazioni entro due mesi dall’entrata in vigore della legge.

– FONDI PER LA MONTAGNA Cinque milioni all’anno per un triennio per il fondo nazionale per la montagna.

-FONDI PER LA RICERCA AGRICOLA «Con la legge di stabilità via libera al piano triennale ricerca agricola da 21 milioni per #Crea», annuncia il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina su Twitter.«Un grande passo avanti» commenta lo stesso ministro.

Fonte: lastampa.it

Una risposta

  1. Se andassero tutte in porto , non sarebbe male . Ma di una proposta ,di trattamento paritario contrattuale , tra pubblico e privato come mai ancora nessuno ne parla? Per quanto tempo ancora nel privato si dovranno sopportare e subire contratti di serie M…a. La prova del nove sarà dopo le prossime elezioni . Lavoratori del privato , non fatevi illusioni…..disoccupati organizziamoci in uno sciopero di protesta e visto che non possiamo assentarci dal posto che non abbiamo , andiamo ad occupare quei posti lasciati vacanti da chi nelle ore di lavoro va a farsi i capelli ,va a fare la spesa , va al mare …….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.