AUTOSANLORENZO, CONTINUANO LE RICHIESTE DI ASSISTENZA ALL’UFFICIO LEGALE DELL’ADICO. GAROFOLINI: “ATTENDIAMO LE MOSSE DI OPEL, MA PER ALCUNI CASI VALUTEREMO LA DOMANDA DI RISARCIMENTO”

MESTRE. Non sono bastate le rassicurazioni da parte di Opel. Sono ancora molte, infatti, le persone che stanno contattando in questi giorni l’ufficio legale dell’ Adico per chiedere assistenza dopo la chiusura della concessionaria Autosanlorenzo di via Giustizia a Mestre. Per lo più si tratta di acquirenti che hanno ordinato la macchina fra febbraio e marzo lasciando una caparra di circa mille euro. Qualcuno, però, ha anche già pagato la vettura in toto e per ora non ha ricevuto nulla. “Attualmente stiamo seguendo personalmente una decina di soci – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’ Adico – e, come confermato dal nostro ufficio legale, in questa fase le cose che si possono fare sono due: attendere le mosse di Opel, che ha assicurato una rapida risoluzione del problema, e tenere la situazione costantemente monitorata. Nel frattempo gli automobilisti invischiati nel crac della concessionaria mestrina devono inviare alla Opel tutta la propria relativa documentazione contrattuale con la quale si dimostri l’avvenuto acquisto con acconto o con pagamento completo”. La sensazione, al di là delle buone intenzioni della Casa automobilistica tedesca, è che non sarà poi così facile risolvere la situazione soprattutto in tempi brevi. “A quanto pare – continua Garofolini – Opel deve comunque trovare una nuova concessionaria tramite la quale consegnare la macchine già acquistate o per le quali si è versato l’acconto. Quanto tempo ci vorrà? Un mese? Due mesi? Autunno? Staremo a vedere. Intanto per alcune situazioni particolari stiamo anche valutando la possibile richiesta di un risarcimento. Più di qualche persone, infatti, ha subito anche disagi economici notevoli dalla mancata consegna di una vettura che attendevano con urgenza. Ora però la cosa più importante è che davvero Opel mantenga le promesse altrimenti siamo pronti a dare battaglia”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *