Bollettini postali, arriva l’aumento e scattano le proteste degli utenti. Garofolini: “non è questo il momento per i rincari”

Siamo d’accordo. Non sono questi i rincari che fanno sballare i bilanci delle famiglie a meno che non si utilizzino in modo massiccio tali strumenti di pagamento. Eppure gli aumenti scattati a metà agosto per alcuni “prodotti” delle Poste Italiane hanno già fatto esplodere le proteste di molti cittadini, già alle prese con una situazione economica resa deficitaria dalla pandemia e con una inflazione che comincia a rialzare la testa in molti settori, soprattutto quello alimentare.

Resta il fatto che, per pagare un bollettino di conto corrente postale allo sportello (incluso il bollettino Pa), ora bisogna versare 1,80 euro, invece di 1,50. L’aumento di 30 centesimi interessa anche gli over 70 che invece di 70 cent ora dovranno sborsare un euro. Discorso analogo per le multe. Per pagare un verbale allo sportello attraverso il servizio online “Sin” ora si spendono 2,29 euro, contro il precedente 1,99. Anche in questo caso è aumentata la tariffa per gli over 70, passata da 1,19 euro a 1,49. Rincaro addirittura di 50 centesimi per l’avviso “Pago Pa” con codice (Fase Icpa): la commissione è schizzata da 1,50 a 2 euro.

“Pessimo messaggio – protesta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Anche se le tariffe erano bloccate da tempo, come si sono giustificati i vertici delle Poste, non era questo il momento di prevedere rincari. Fra l’altro settembre è un mese devastante per molte famiglie: bollette, libri di scuola, tasse, rendono il ritorno dalle ferie un inferno economico per molti. I venti centesimi in più non cambiano le vite se presi in considerazione singolarmente. Ma alla fine questi rincari si sommano a tanti altri e, a conti fatti, l’impatto sul portafoglio diventa rilevante. Lo ribadiamo da mesi: il Covid ha cambiato tutto e in questo momento c’è bisogno di tante cose ma non certo di chiedere ai cittadini ulteriori sforzi finanziari, soprattutto ai più anziani. Ecco perché in molti ci scrivono per contestare questo aggravio”. 

24 risposte

  1. Ho compiuto i 70 anni a maggio, perciò ho potuto usufruire delle “agevolazioni” per poche bollette….
    Oggi noto che per me, e gli altri ultrasettantentenni c’è un aumento di oltre il 40% mentre per chi deve pagare la tariffa intera ci sarà “solo” un aumento del 20%.
    Per dirla in “sindacalase” si usano i pensionati come un bancomat, molto lontani da ciò che avviene all’estero dove i pensionati sono tutelati maggiormente e protetti in molti modi!

    1. SAlve signor Bravin, il paragone bancomat-pensionati è sempre più azzeccato, purtroppo. Vediamo cosa succederà ora nel campo della Previdenza.
      Le auguro una buona serata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  2. Altra novità per gli ultra settantenne, il nuovo bollettino Enel in posta si paga € 2, ( chiamato Enel, risposta: scelta politica della società), ma le sembra giusto che lo sconto che un pensionato usufruirà si è trasformato in un maggiore onere??? Nessuno se ne fa carico per accertare questo abuso. Grazie per una gentile risposta, buona giornata.

    1. Salve signor Aldo, sono più che d’accordo con lei e se legge le nostre comunicazione vedrà che invochiamo sempre una attenzione particolare per le persone anziane che già risultano penalizzate da scelte govenative (di tutti i governi) spesso deleterie per i pensionati. Noi continueremo la nostra battaglia per tutelare i consumatori e gli utenti più fragili fra i quali rientrano con forza le persone anziane.
      Le auguro una buona serata.
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  3. Governo Draghi
    Non aumentiamo le tasse e i risultati si vedono con aumenti delle bollette dal mese di settembre .Quanto deve pagare in più il pensionato per un anno .
    Complimenti !!!!

  4. È uno schifo. Il pozzo da cui attingere è sempre quello dov’è più semplice e facile prelevare ogni qualvolta ne ravvisano la necessità tanto i pensionati non protestano, non protestano mai. Un giorno anche loro saranno pensionati ma purtroppo non patiranno quello che oggi la maggioranza dei pensionati italiani è costretta a subire: sacrifici, sacrifici e sempre sacrifici. “LORO” sono furbi hanno pensato in tempo alla loro vecchiaia ed a quella dei loro familiari…………

  5. Invece di diminuire l’importo per gli over 70 del bollettino, perchè ancora oggi vige il regolamento Covid di uno alla volta, fuori alle intemperie, spesso con riduzione dei sportellisti,con il lavoro reso più lento dal entra uno esce l’altro,ebbene che si inventano l’aumento del costo del bollettini-L’Enel poi cambia la stampa della fattura, sempre spedizione a carico dell’utente, e si inventa una qualchecosa per cui gli over 70 non hanno diritto alla riduzione tra l’altro aumentata del 50% circa il 9 agosto con la complicità della banca d’italia che a riguardo in merito alla mia richiesta di delucidazione sulle motivazioni dell’aumento, mi ha risposto di non aver capito bene la mia protesta.Se l’agevolazione per gli over l’ufficio la Posta diventa difficile, allora dico ai pensionati servitevi della banca per la domiciliazione delle bollette.

  6. Sono pienamente.daccordo con commenti.precedenti…! Di mio borrei aggiungere: i pensionati e le persone fragili, secondo Mario Draghi, devono essere protetti solo.per.quanto riguarda il vaccino. Non si rende conto che queste categorie di persone hanno bisogno, piu’ degli altri, anche di denaro sufficiente per potersi curare.!!!???Pagavo 70cent per bolletta luce, ieri con la nuova modalita’ ho pagato 2euro.
    Una vergogna!!

    1. Salve, riporto volentieri il suo commento perchè ci trova totalmente d’accordo.

      Un saluto
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  7. Ma di che parliamo da una mano dai dal’altra prendi basta chiacchiere che intervenga chi è di competenza quando ci quadagna le poste italiane su tot pensionati .vergogna.

  8. Considerazioni personali. Tutte le associazioni che si prodigano per la tutela dei consumatori e pensionati sono tutte battaglie al vento.
    IL gasolio aumenta, il pane aumenta, le Poste aumentano i bollettini , Lo Spid alle Poste costa €.12,00, l’elettricità aumenta,
    il gas per riscaldamento aumenta, Il treno costa più dell’aereo, eccetto EX Alitalia che viene salvata dallo Stato Italiano,
    a differenza delle altre compagnie estere che costano molto meno e ci permettono di viaggiare.
    Internet pieno di pubblicità la paghiamo noi, utilizzare i cellulare costa sempre di più, le banche
    che aumentano le operazioni e ci obbligano ad utilizzare le carte di debito o di credito,
    per aumentare le operazioni, la disoccupazione aumenta sempre più, il debito Italiano aumenta sempre più
    l’inflazione aumenta sempre più, l’età pensionistica aumenta sempre più, i negozi e ristoranti dei cinesi
    aumentano di numero sempre più, i rifiuti aumentano sempre più, eccetera. La soluzione può essere
    di far diminuire gli sprechi, di aumentare i lavoratori in ogni settore, che tutti possano pagare i contributi previdenziali
    e far in modo che tutti possano avere un periodo lavorativo non al di sotto di 35 anni. Sono solo alcune delle tante considerazioni.

    1. Salve signor Michele, capisco la sua rabbia, inevitabile. Le assicuro però che se non ci fossero le associazioni dei consumatori i “sopprusi” sarebbero molti di più!! Guardi nel nostro sito e troverà molte battaglie andate a buon fine. Spero che possa ricredersi circa il ruolo delle associazioni a difesa dei consumatori.
      Le auguro intanto una buona giornata.
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  9. Si sono dimenticati di citare il grosso sacrificio da fare per pagare il Bollo di 150€ di tassa di possesso per l’auto . È la tassa più impropria pagando già un premio assicurativo 183,50 ogni 6 mesi per il possesso della Panda del 2010 con un valore di appena 3000 € da versare ogni anno allo Stato. 56 anni Disoccupata, INVALIDA CIVILE al 60% iscritta nelle categorie protette: Quota di Riserva, 2 figli a carico, disoccupati. Sono riuscita a pagarla in zona Cesarini il 31- 12-2021ravvedendomi. Aiutateci

  10. Rincari, bollette salate, benzina, gas, pane, farina, latte e potrei continuare con altro e altro ancora; purtroppo può anche il risultato di quello che purtroppo sta accadendo. Si pensa di aiutare (giustamente) le imprese, i commercianti, i lavoratori e le fasce meno abbienti. Su chi cadono questi aumenti? Su chi non ha voce “I PENSIONATI” con reddito medio dei quali faccio parte. Fino a febbraio 2022 ogni mese mi recavo alla posta per pagare il bollettino PA e avendo 83 anni usufruivo della riduzione della tassa (1 euro, già aumentato prima pagavo 0,70). Oggi per tutti gli altri bollettini mi viene riconosciuta ridotta TRANNE I BOLLETTINI PA. SOLO UNA DOMANDA PERCHÉ?

    1. Salve signor Silvano, vorrei avere una risposta concreta ma non ce l ho. Rispetto ai pensionati, le ricordo un’altra cosa: hanno avuto una rivalutazione dell’1.7% a inizio anno mentre oggi l’inflazione sfiora il 6%!! D’accordo, il prossimo anno co sarà il “conguaglio”. Ma intanto, adesso?????? Come possono affrontare i rincari i tanti anziani con pensioni che non raggiungono i mille euro?

      Gianluca Codognato
      uff. stamoa Adico

  11. Ma non è questo il discorso . Dov’è l’unione consumatori, noi dobbiamo subire il QR code a 2 euro quando i bollettini di cc sono passati vada 1,6 € a 1,80 € e ora a 2 € ! Queste sono Imposizioni FISCALI vituperate da un governo fantasma quando poi pagano un lavoro co co co a € 5,90 l’ora ! Veramente una…..

    1. SAlve signor Tullio…le associazioni dei consumatori fanno quello che è in loro potere, con le normative italiane. E vinciamo anche moltissime battaglie, come cerchiamo di raccontare ogni giorno anche tramite il nostro sito. Purtroppo molto spesso le associazioni dei consumatori vengono indicate come le colpevoli di certe situazioni figlie invece del mercato di decisioni prese dall’alto contro le quali noi possiamo fare ben poco, se non protestare…dovrebbero essere altro gli obiettivi delle vostre proteste ma capiamo lo scoramento di fronte a situazioni a volte davvero scandalose.
      Le auguro una buona serata.
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.