BRESCIA, NONNA RUBA CARAMELLE AL SUPERMERCATO PER I NIPOTI A NATALE: I CARABINIERI PAGANO I 27 EURO DEL CONTO

Ruba da un supermercato 27 euro di caramelle per regalarle ai nipoti per il Natale, ma alle casse viene scoperta e i carabinieri saldano il conto per lei. È la storia che arriva da Manerba, nel Bresciano, e che vede protagonista una signora di 75 anni alle prese con una pensione da 400 al

mese finita troppo presto. “Non sono una ladra volevo solo fare un regalo ai miei nipotini ma ho finito i soldi”, si è giustificata la donna, sorpresa con la borsa piena di dolci.

Due carabinieri intervenuti su segnalazione della direzione del supermercato hanno però deciso di non punire per il gesto l’anziana, ma, al contrario, di saldare il conto con il supermercato dopo aver effettivamente verificato le condizioni economiche dell’anziana signora.

Fonte: La Repubblica

6 risposte

  1. Il supermercato è un “robot”. Grandi o piccoli che siano, questi moderni mostri, dopo aver assassinato i nostri negozi, si accingono a costringere le nostre scelte e a soffocare i nostri diritti. Non hanno sentimenti ne’ libere scelte, non possono averli, perché sono pensati solo per rispettare il consumismo che ci sta manovrando in vari modi a sua unica chiara finalità.
    Altra cosa è il cuore.
    E mi fa piacere riconoscerlo pulsante e inconfondibile in quel Corpo dello Stato che fa del dovere la sua scelta e il suo metodo, al di là delle eccezioni che riscuotono tanta risonanza, alimentando la tiratura di un giornale e deprimendo la fiducia di cui la gente ha tanta necessità.
    Se qualcuno voleva farmi un regalo di Natale
    insostituibile, c’è riuscito in pieno.
    Grazie e molti auguri a tutti.

  2. I Carabinieri, preso atto delle condizioni economiche dalla vecchietta HANNO FATTO PIU’ CHE BENE ed hanno dimostrato che più del Governo di questa Rex ex pubblica hanno UN CUORE GRANDE. Provate ad immaginare voi quando dolore interiore ha avuto la vecchietta prima di commettere l’illecito e quanta vergogna potrebbe avere provato quando siè trovata di fronte ai Carabinieri. Certo non è giusto nè civile “rubare” ma se consideriamo che la poveretta per 27 € di caramelle sarebbe potuta finire denunziata e condannata dal GIP con un Decreto Penale di non inferiore a (20 gg x 250 € giorno di detenzione) € 5000, anche se – incensurata – con la condizionale, quanto sarebbe venuta a costare allo Stato tutta l’operazione Giudiziaria? Ora dico io possibile mai che nel mentre agli stranieri giunti in Italia con i vecchi > 65 anni al seguito lo Stato gli elargisce 520 € al mese di pensione pro-capite anche se in Italia non hanno mai versato un cent di contributi e tasse e a chi, invece, per un verso o per l’altro s’è ritrovato senza lavoro, senza coniuge, senza figli senza niente gli si danno appena 400 € per vivere, che non bastano neppure per pagare le bollette dei servizi indispensabili: acqua, luce, gas, medicine (inevitabili)? MA BRAVI I CARABINIERI che meritano un’Encomio mentre una bella censura al Governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.