Caso PostePay: Adico giovedì 23 gennaio ospite in diretta di “Mi Manda RaiTre”

Giovedì 23 gennaio 2014 Adico Associazione Difesa Consumatori sarà ospite della trasmissione “Mi Manda RaiTre”, in onda ogni giorno alle 10 su RaiTre e condotta da Elisa De Gati.

Al centro del servizio ci sarà il nuovo boom di clonazioni di carte PostePay, con le decine di segnalazioni e richieste di assistenza arrivate nelle ultime settimane per la sottrazione indebita di somme dalle carte prepagate di ignari consumatori italiani, somme utilizzate soprattutto su siti di scommesse online. Ospite in studio, insieme ad alcune delle vittime delle clonazioni, sarà anche il presidente di Adico, Carlo Garofolini, che ricorderà l’impegno dell’Associazione nella tutela delle vittime dei furti attivo da oltre un anno.

 

4 risposte

  1. Volevo comunicare che ricevo tutti i giorni email da PostePay in cui mi viene comunicata la presenza di oneri atipici sul conto e la conferma del mio account. Premetto che non ho carte di credito con PostaPay ma pur bloccando il mittente continuano sempre ad arrivare. Sapete darmi un consiglio come procedere e non ricevere più queste email?

  2. Anch’io faccio parte di quelli truffati con la poste pay, prelevandomi la somma di 150 euro da siti di scommesse online. La denuncia-querela è stato il minimo che potevo fare con la speranza di essere rimborsato dalle Poste Italiane

  3. La ricezione di email riguardanti presunti blocchi o, addirittura accrediti sulla poste pay sono ormai quotidiane. Ho più volte inoltrato le email alla polizia postale. Risultato? Considerando che questo fenomeno dura da anni presumo che di fatto non fanno alcuna indagine. Sarà che siamo solo dei “poveri coglioncelli” tali da non considerare un problema se veniamo derubati. In fondo lo Stato non fa lo stesso?
    Sono, però, stato vittima di utilizzo fraudolento della carta di credito collegata al conto bancario e segnalandolo tempestivamente mi hanno inviato un modulo da compilare e inviare via fax con allegato copia della denuncia dei carabinieri per essere rimborsato. Informatevi perché la legge impone il rimborso se la transazione ha origine fraudolenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *