Chiede la chiusura del contatore nell’abitazione della madre deceduta ma le disattivano il suo. Commessa mestrina si affida all’Adico. Garofolini: “E’ senza riscaldamento da giorni”.

MESTRE. Forse l’assonanza fra i nomi delle due strade, via Bissagola-via Baldissera, può aver tratto in inganno. Ma, in realtà, la causa del grossolano errore non è nota e forse non lo sarà mai. Fatto sta che dallo scorso martedì (e probabilmente fino a domani) E.M., commessa mestrina, che ha anche una bambina piccola, è costretta a stare senza riscaldamento, acqua calda e gas per i fornelli. Il motivo, però, non è legato a una morosità o a una voltura riuscita male. Il problema, piuttosto, parte da un malinteso (per usare un eufemismo) che, come detto, non è ancora spiegabile. E.M., infatti, a fine gennaio si è rivolta al proprio fornitore di luce e gas, una azienda online con sede a Bologna, per richiedere la chiusura del contatore della madre deceduta a ottobre, residente in una abitazione di via Bissagola servita dalla medesima ditta. Purtroppo, però, è stato chiuso il contatore sbagliato, ovvero quello della commessa, che si trova in via Baldissera, sempre a Mestre. Ora E.M. si è rivolta all’Adico per richiedere l’immediata riattivazione del proprio contatore, cosa che dovrebbe avvenire già domani, venerdì 18, con un altro fornitore.

“E’ una vicenda grottesca, ce ne rendiamo conto – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Vista la documentazione che ci ha fatto visionare la nostra socia, è di sicuro palese che lei non abbia commesso errori sulla propria richiesta di chiusura contatore. Crediamo che il fornitore abbia dato le indicazioni inesatte a Italgas che è dunque intervenuta nell’abitazione sbagliata. Questa disattenzione ha creato disagi pesanti perché stare senza riscaldamento e acqua calda d’inverno non è per nulla agevole soprattutto se si ha una bimba piccola”.

Ora l’ufficio legale dell’Adico monitorerà l’evoluzione di questa paradossale vicenda, cercando di scongiurare soprattutto nuovi costi per la propria socia. “E’ quasi certo che ci siano nuove spese per l’attivazione – conclude Garofolini -. E, se ci pensiamo, questo rappresenta una vera beffa, dato che la nostra assistita non ha alcuna colpa. Nel caso valuteremo un rimborso da parte dell’azienda che ha commesso l’errore”.

4 risposte

  1. Gente oscena che non lavora con la dovuta attenzione e rispetto verso la propria clientela! Ci vuole una bella multa per questa società e un risarcimento per la signora che ha subito questo grave problema.

    1. Salve signora Giovanna, grazie come sempre per l’interesse che mostra per i nostri interventi. Naturalmente vi terremo aggiornati anche su questa storia grottesca.
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  2. In italia succedono spesso tali inconvenienti perché non si vuole parlare direttamente con l’utente, magari avvisandolo telefonicamente, prima o immediatamente dopo l’intervento del tecnico. Chissà perché vogliamo evitare qualsiasi contatto diretto con i ns. simili, si risolverebbero molti problemi!

    1. Salve, il fornitore in questione lavora solo online, tenga conto che questo molte volte consente risparmi importanti per l’utente. Poi sono d’accordissimo con lei sul fatto che i rapporti umani e diretti siano sempre il miglior mezzo di confronto/dialogo.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.