DAL 1 GENNAIO AUMENTANO I PEDAGGI AUTOSTRADALI. RECORD SU UN TRATTO DELLA TORINO – MILANO: +6,5%

Inizio d’anno con 6 tratte autostradali più care. La non piacevole novità per gli automobilisti viene comunicata dal ministero dei Trasporti e crea uno strascico di polemiche rinfocolate oggi da Sinistra Italiana e Beppe Grillo. Gli aumenti potrebbero inoltre interessare successivamente anche le altre 21 tratte per le quali si è in attesa dell’aggiornamento del Piano Economico Finanziario.

I RINCARI

L’aumento maggiore intanto interessa Satap tronco A4 (Torino-Milano) +6,5%. Seguono Strada dei Parchi +3,45%, Tangenziale Est Spa +2,10%, Autostrade per l’Italia +1,09%, Pedemontana Lombarda +1% e Ativa +0,03%. Gli adeguamenti delle tariffe, ricorda il ministero, scattano da oggi, dopo che sono stati firmati, infatti, i decreti interministeriali di concerto tra il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e il Ministro dell’Economia. A farne le spese sono soprattutto, ricordano i consumatori, i lombardi: «Una vera e propria stangata per gli automobilisti della Lombardia. – denunciano le Associazioni dei Consumatori – Proprio i cittadini della Lombardia sono quelli maggiormente interessati dagli aumenti tariffari, e subiranno il più alto aggravio di spesa rispetto a tutti gli altri».

ECCO LE VARIAZIONI

ATIVA S.p.A. 0,03%;

Autostrade per l’Italia S.p.A. 1,09%;

SATAP Tronco A4 S.p.A. 6,50%;

Strada dei Parchi S.p.A. 3,45%;

TEEM 2,10%

Pedemontana Lombarda 1,00%

ECCO LE SOCIETA’ PER CUI GLI AUMENTI SONO, PER ORA, SOSPESI

Asti-Cuneo S.p.A.

Autostrada del Brennero S.p.A.

Autovie Venete S.p.A.

Brescia-Padova S.p.A.

Consorzio Autostrade Siciliane

CAV S.p.A. 0,00%; Centro Padane S.p.A.

Autocamionale della Cisa S.p.A.

Autostrada dei Fiori S.p.A.

Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A.

Tangenziale di Napoli S.p.A.

RAV S.p.A.

SALT S.p.A.

SAT S.p.A.

Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A.

SATAP Tronco A21 S.p.A.

SAV S.p.A.

SITAF S.p.A.

Torino – Savona S.p.A.

Bre.be.mi.

IL TELEPASS

A inizio anno scatterà invece l’aumento del canone Telepass che raddoppierà per la versione Premium da 0,78 a 1,50 euro al mese (per chi ha un contratto Family, Twin o Telepass con Viacard). In compenso però crescono i servizi. I clienti hanno 60 giorni di tempo per recedere dal contratto dalla ricezione della lettera, altrimenti le modifiche verranno considerate approvate. Novità anche per quanto riguarda l’autovelox, che non controllerà solo la velocità ma anche il pagamento del bollo e le revisioni fatte.

fonte: stampa.it

2 risposte

  1. Aumenti ancora x l’autostrada Milano -Torino che ha cantieri aperti da oltre 10 anni Con limitazioni della velocità di transito dei veicoli per decine di km mentre il pedaggio deve essere pagato x intero. Non si può pagare x intero un servizio che non è completo!!! Nessuno dice nulla e fa nulla.

  2. Come mai quando c’è da aumentare i costi dei servizi il governo è così silente a farlo, a mio avviso quest’anno non c’erano i presupposti x questi aumenti, visto che non cìè stato inflazione ma defrazione queso lo dimostrano le pensioni che non hanno avuto nessun adeguamento al costo della vita.
    Gradirei sapere dalle autorità preposte i motivi.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.