FISCO, OGNI ANNO MANCANO ALL’APPELLO 87 MILIARDI PER COLPA DELL’EVASIONE FISCALE

Ogni anno il fisco italiano aspetta, invano, almeno 87 miliardi che però finisce per non incassare per colpa dell’evasione fiscale. A tanto ammontano, secondo la stima dell’ultima relazione allegata alla nota di aggiornamento al Def, le risorse che in media non vengono versate all’Erario. Di questi, rileva il governo nel suo documento, “12,7 sono ascrivibili alla componente dovuta ad omessi versamenti ed errori nel compilare la dichiarazioni. Pertanto, il gap derivante dal completo occultamento delle base imponibile e/o dell’imposta ammonta a circa 74,3 miliardi di euro”.
La regina dell’evasione resta l’Iva. Al bilancio pubblico risultano sottratte,sempre considerando la media degli ultimi anni, circa 35,4 miliardi di euro. Più di un’intera legge di Bilancio. Tale risultato – sottolinea il testo della relazione- si deve essenzialmente a due fattori. L’imposta è quella con la più alta base imponibile e “la specificità del tributo fa si che l’evasione possa assumere un’entità maggiore delle altre alla luce della possibilità di accedere al regime dei rimborsi o delle compensazioni”. Nella classifica del tax gap segue l’Irpef con 30,7 miliardi e l’Ires con 10,1 miliardi.
Se si guarda agli anni più recenti, il dato passa dagli 89,1 miliardi del 2014 agli 85,2 miliardi del 2015, con una diminuzione di 3,9 miliardi. Il calo – si spiega – è dovuto principalmente alla flessione del gap IRAP (-2,2 miliardi) e di quello dell’IVA (-1,5 miliardi). Guardando alle altre voci e lungo tutto l’arco temporale spicca il calo del gap nelle locazioni, che passa da 2,3 miliardi del 2010 a 1,3 del 2015, mentre il canone Rai cresce leggermente da 755 milioni di euro a circa un miliardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.