IL PONTE DELL’IMMACOLATA “SORRIDE” AGLI AUTOMOBILISTI VENEZIANI, IL CARBURANTE COSTA IL 10% IN MENO DEL 2014

Il crollo del costo del petrolio si traduce in una buona notizia per gli automobilisti veneziani che si metteranno in macchina nel ponte dell’Immacolata. Benzina e gasolio, infatti, costano circa il 10% in meno rispetto allo scorso anno e il 20% in meno del 2013. Secondo il consueto monitoraggio dell’Adico sul territorio veneziano, oggi un pieno da 50 litri di verde costa in media 71,10 euro, contro i 78,50 euro del 2014 e gli 87,50 euro del 2013. Stesso discorso vale per il gasolio: per un pieno di 45 litri, oggi si sborsano in media 58,68 euro, circa 7,50 euro in meno del 2014 e addirittura 15,50 euro in meno del 2013. Come sempre l’indagine rileva le grandi differenza di prezzo esistenti fra i vari distributori sparsi in città. In particolare, tornano a dominare nella classifica del risparmio le pompe bianche, in particolare quelle collocate nell’area del Terraglio, mentre lo scorso anno l’offerta più conveniente era quella dell’Agip di via Circonvallazione. Oggi i benzinai a insegna Loro, Vega e Auchan, che hanno sempre prezzi uguali fra loro, propongono la verde a 1,384 (lo scorso anno era a 1,519) e il diesel a 1,249 (nel 2014 era a 1,409). Il più caro fra i distributori monitorati oggi è invece la Tamoil di via Fratelli Bandiera, con la senza piombo a 1,529 e il diesel a 1,419. “Il calo del prezzo del carburante – sottolinea Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – è ovviamente una buona notizia per gli automobilisti. Eppure non ci stancheremo mai di dire che non ci troviamo di fronte a una gentile concessione delle compagnie ma a un crollo del costo del petrolio al barile. E se seguissimo l’andamento appunto del costo al barile, benzina e diesel dovrebbero costare molto meno. Infatti noi registriamo quest’ anno un calo dei prezzi del 9,8% rispetto a dicembre 2014. Però oggi il petrolio costa 44 euro al barile, lo scorso anno era a 54. Dunque, la diminuzione è de 16,7%, il doppio di quella registrata per il prezzo del carburante”.

Adico poi, tramite un questionario rivolto ai propri soci, rileva che il 40% dei veneziani andrà via qualche giorno per il ponte dell’Immacolata, un dato in crescita del 7% rispetto all’anno passato. Fra questi, il 70% resterà in Italia (contro il già ragguardevole 64% dello scorso anno), mentre crollano mete “a rischio” come Londra e Parigi. “In confronto al 2014 – commenta ancora Garofolini.- si evidenzia un certo miglioramento anche se i veneziani punteranno comunque su sistemazioni economiche. L’Italia risulta la meta più gettonata e molti scelgono l’auto per muoversi, temendo il viaggio in aereo. La stragrande maggioranza dei vacanzieri ha optato per una città d’arte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.