Latte polacco nelle mozzarelle di bufala, 13 arresti a Caserta

Nel mirino il caseificio Cantile. Nei giorni scorsi scoperti produttori con cagliata tedesca.

Tredici persone arrestate e tonnellate di beni del valore di 5 milioni messi sotto sequestro. È l’esito di un’operazione coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere e condotta dai Carabinieri del Comando provinciale di Caserta nei confronti di imprenditori del settore caseario, veterinari e biologi.
Nel mirino il caseificio Cantile di Sparanise, produttore di mozzarella di bufala campana dop.

Latte vaccino e cagliate estere

Secondo quanto accertato dagli investigatori, nel caseificio veniva utilizzato latte vaccino al posto di latte di bufala, e questo veniva acquistato anche all’estero (Polonia, Ungheria e Francia). Insieme a partite di latte venivano comprate partite di cagliata, di cui veniva celata la provenienza alterando i documenti di trasporto, al fine di contenere i costi.

Sequestrata l’azienda e sei punti vendita.

Gli indagati sono ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alle sofisticazioni alimentari. I carabinieri hanno posto sotto sequestro beni di ingente valore, tra cui l’azienda e sei punti vendita. I particolari verranno forniti nel corso di una conferenza stampa alle ore 11 negli uffici della Procura di Santa Maria Capua Vetere.

Decine di sequestri negli ultimi giorni

Negli ultimi giorni, nell’ambito delle attività di controllo, i militari del Nas hanno individuato diverse irregolarità sequestrando prodotti alimentari per un valore di circa 20.000 euro e contestando sanzioni amministrative.

Cagliata tedesca e conservanti

A Latina, i Nas hanno scoperto che un caseificio specializzato nella produzione di mozzarelle realizzava i prodotti lattiero caseari con cagliata di origine tedesca alla quale veniva addizionato il conservante “sorbato di potassio” (sigla E202).
L’utilizzo di tale additivo, non vietato,  non era indicato nella documentazione aziendale e sull’etichetta, e utilizzato nei formaggi a pasta filata. Ne sono state sequestrate 2 tonnellate.

Residui di lavorazione venduti come freschi

Altri 350 kg di mozzarella di bufala, sono stati sequestrati in un altro opificio della zona. Si trattava in questo caso di residui di una precedente produzione che, nonostante fossero destinato ad essere smaltiti come rifiuto, erano stoccato all’interno di una cella frigo insieme ad altri prodotti caseari pronti per la distribuzione.

Sporcizia e latte ignoto

A Caserta, invece, i Nas hanno individuato un’azienda lattiero casearia in precarie condizioni igienico sanitarie e strutturali (assenza di locali adibiti sia a deposito di prodotti finiti che di materiale da imballaggio sia di celle frigo per lo stoccaggio momentaneo del formaggio, presenza di muffa e condensa diffuse sulla soffittatura). Nel corso dell’ispezione, i Carabinieri del Nucleo hanno accertato che sia che l’attività di vendita, che quella di produzione venivano svolte nei medesimi locali. Anche il latte utilizzato aveva provenienza ignota.
Sequestrata 1 tonnellata di latte di bufala e sospesa l’attività dell’azienda.

Fonte: il salvagente.it

4 risposte

  1. In Italia da Bologna in giù è tutto una truffa unica, da Bologna in su lo è al 50%. Cercasi soluzione di vita altrove, dove non si parla italiano.

  2. L’ITALIA dei disonesti, continua a venire alla luce, oggi il latte per le mozzarelle, ieri EXPO-MILANO, gli evasori, i corruttori, gli avvelenatori alimentari, due sono le riflessioni che mi vengono in mente, la prima è che quello che viene a nostra conoscenza è l’uno, due per cento di quello che realmente accade, la seconda è che ci amministra è l’espressione anche di questi disonesti, e ne vediamo i risultati, quindi abbiamo una democrazia malata di cancro in metastasi.

  3. Devo dire che anche il prezzo del latte nei supermercati è strano ….Conad 1/2 litro di yogurt magro Vipiteno costa 1,32 euro;Euro spin 1/2 litro di yogurt magro Land (Alto Adige)costa 0,65 euro. Non sarà per caso che questi signori comprano il latte in Germania dove le mucche producono il doppio del latte delle mucche italiane? Lo sapete che in Germania le mucche vengono abbattute a sei -sette anni di vita perché sono evidentemente stressate dallo sfruttamento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.