Meglio libero o tutelato? Ecco la differenza fra i due mercati di luce e gas

Che differenza c’è fra mercato libero o mercato tutelato? E’ questa una delle domanda più inflazionate nel settore dell’energia, tanto più in vista della “rivoluzione” più volte rinviata e in programma a partire da gennaio 2023 quando, salvo nuovi proroghe, il mercato di maggior tutela sparirà. “Vogliamo far chiarezza con l’aiuto di Arera su questo punto – spiegano da Adico – dato che sono molti i soci che ci chiedono lumi su questa importante differenza. Quando si concretizzerà la totale liberalizzazione del settore la maggior parte degli utenti che ora si trova in tutela dovrà scegliere fra centinaia di offerte. Non sarà facile, per questo riteniamo importante evidenziare i diversi funzionamenti dei due mercati”.

Qui di seguito ecco le definizioni proposte nel portale dell’Arera (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente).

Mercato libero

E’ il mercato in cui le condizioni economiche e contrattuali delle offerte per la fornitura di energia elettrica e di gas naturale sono predisposte dalla società di vendita.
Il cliente che aderisce al mercato libero sceglie il venditore e il tipo di offerta più adatta alle proprie esigenze, allo stesso modo, può decidere di recedere dal proprio contratto di fornitura in favore di un’altra offerta di mercato libero o tornare nei servizi di tutela qualora ne abbia diritto, senza oneri aggiuntivi e senza interruzione della fornitura in corso di esecuzione.

Nel caso in cui un cliente rimanga senza un venditore nel mercato libero (ad esempio in seguito al fallimento del venditore), la continuità della fornitura è garantita dai servizi di ultima istanza. Per l’energia elettrica, in particolare, si attiverà il Servizio di Maggior Tutela, il Servizio a Tutele Graduali o il Servizio di Salvaguardia, per i clienti che ne hanno diritto a seconda delle proprie caratteristiche. Anche per il gas naturale sono previsti appositi Servizi di Ultima Istanza (FUI gas e FDD Gas).

Mercato tutelato

Nel settore elettrico, i Servizi di Tutela si distinguono in Servizio di Maggior Tutela, Servizio a Tutele Graduali, e Servizio di Salvaguardia.

1) Il Servizio di Maggior Tutela è rivolto ai clienti domestici ed a tutte le microimprese con potenza impegnata inferiore a 15 kW che non hanno ancora scelto un venditore nel mercato libero. È erogato dall’impresa locale di distribuzione o da una società da essa individuata. Le condizioni economiche (prezzo) e contrattuali sono definite dall’ARERA.

2) Il Servizio a Tutele Graduali è rivolto:

  • alle piccole imprese (numero di dipendenti non superiore a 50 e non inferiore a 10 e/o un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro e non inferiore a 2 milioni di euro) titolari unicamente di punti di prelievo connessi in bassa tensione;
  • alle microimprese (meno di 10 dipendenti e un fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro) titolari di almeno un punto di prelievo con potenza contrattualmente impegnata superiore a 15 kW.

che non hanno scelto ancora un fornitore di energia elettrica sul mercato libero.

Tale Servizio viene erogato per tre anni, a decorrere dal 1° luglio 2021, da venditori selezionati attraverso specifiche procedure concorsuali svolte da Acquirente Unico S.p.A. Ogni area territoriale è servita da un solo fornitore il quale può anche servire più aree contemporaneamente.

Le condizioni contrattuali corrispondono a quelle della Offerta PLACET (stabilite dall’ARERA), e il prezzo è determinato sulla base degli esiti delle aste.

3) Il Servizio di Salvaguardia è il servizio dedicato al consumatore di energia elettrica non avente diritto al servizio di maggior tutela o al servizio a tutele graduali e che si trova senza venditore nel mercato libero. Nello specifico, il Servizio di Salvaguardia si applica ai clienti non domestici e cioè utenti alimentati in media tensione o aziende in bassa tensione con più di 50 dipendenti o un fatturato annuo superiore ai 10 milioni di euro annui. Acquirente Unico S.p.A. ha il compito di organizzare e svolgere le procedure concorsuali per la selezione delle imprese che erogano il servizio di salvaguardia.

Nel settore del gas naturale, invece, i servizi di tutela si articolano in:

  1.  Servizio di Tutela Gas, rivolto a tutti i clienti domestici e ai condomini con uso domestico con consumo non superiore a 200.000 Smc/anno, a condizioni economiche e contrattuali stabilite e periodicamente aggiornate dall’ARERA.
  2.  Fornitore di Ultima Istanza (FUI Gas), nel quale confluiscono i consumatori di gas che hanno diritto al servizio di tutela ma che si trovano temporaneamente senza un fornitore di gas, per ragioni indipendenti dalla loro volontà. Acquirente Unico S.p.A. effettua le procedure ad evidenza pubblica per l’individuazione dei Fornitori di Ultima Istanza.
  3.  Servizio di Default Distribuzione (FDD Gas) nel quale confluiscono i consumatori di gas che non rientrano nell’ambito della fornitura di ultima istanza di cui sopra e che si ritrovano senza fornitore. Acquirente Unico S.p.A.  ha il compito di gestire le procedure concorsuali per l’individuazione dei fornitori del servizio di default di distribuzione (FDD).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.