Parte il nuovo digitale terrestre, la protesta di Adico: “per le famiglie un’altra stangata”. Ecco i canali oscurati da oggi

Il dado è tratto. Il nuovo digitale terrestre è ormai realtà e da oggi molti canali sono oscurati (di seguito l’elenco dei canali nell’articolo di Adnkronos che riportiamo qui sotto). La nuova tecnologia Mpeg-4 ha costretto tante famiglie a cambiare il televisore o ad acquistare il decoder affrontando spese tutt’altro che irrisorie e inopportune visti i tanti rincari scattati in autunno. “Siamo assolutamente contrariati da questo provvedimento – attacca Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Lo abbiamo già detto a suo tempo ma ora lo ribadiamo. Era davvero necessario? E proprio in questo momento? Sappiamo che era in programma da tempo ma bisognava rinviarlo alla fine del 2022. In una società come la nostra la tv è un bene primario e tante famiglie, anche quelle meno abbienti, ne hanno più di uno in casa. E adesso ci sono famiglie che hanno dovuto comprare televisori e decoder vari, spendendo centinaia di euro. Si vedeva così male la televisione fino a ieri? Qualcuno deve spiegarcelo”

Riportiamo di seguito un articolo di AdnKronos che elenca anche i nove canali oscurati da oggi.

Parte il nuovo digitale terrestre. Sono nove i canali Rai e sei quelli Mediaset oscurati da oggi, mercoledì 20 ottobre, data d’inizio del switch off, ossia il passaggio dal vecchio al nuovo digitale terrestre, dalla tecnologia Mpeg-2 alla nuova Mpeg-4. I canali tematici di Rai e Mediaset saranno visibili in alta definizione solo con un televisore o un decoder compatibile al sistema di codifica del segnale Mpeg-4, ricorda il ministero dello Sviluppo economico.

Per la Rai, ad essere interessati dal cambiamento, saranno i nove canali Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport+ Hd, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola, mentre continueranno a rimanere visibili a tutti Rai1, Rai2, Rai3 e Rainews24. Per Mediaset, invece, saranno coinvolti i canali Tgcom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 TV e Virgin Radio TV, mentre rimarranno contemporaneamente visibili tutti gli altri canali, a partire da Canale 5, Rete 4 e Italia 1.

I cittadini “potranno verificare se il proprio televisore è abilitato a ricevere il segnale con la nuova tecnologia e in caso contrario sostituirlo acquistando una nuova tv o un decoder utilizzando i bonus messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico”.

Il passaggio definitivo al nuovo standard tecnologico di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2 avverrà dal gennaio 2023. Nel frattempo si procederà anche alla riassegnazione delle frequenze seguendo un calendario che interesserà tutto il territorio nazionale, a partire dalla Regione Sardegna dal prossimo 15 novembre 2021.

4 risposte

  1. Perché non è stato fatto tutto il necessario prima che oscurassero i canali? Ora lamentarsi è tardi e inutile perché non credo si possa tornare indietro.

  2. Ai canali Rai eliminati possiamo aggiungere anche il canale radio Classica che ripagava ampiamente per tutto il giorno da inutili chiacchere. E non siamo stati neanche informati da giornali o altri mezzi, Rai compresa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *