Permesso ztl scaduto, 2mila euro di multe a un 81enne mestrino. Adico: “il pass si rinnova ogni 5 anni, il nostro assistito è stato avvertito con un sms inviato a un numero che non aveva più”

MESTRE. Circa 2 mila euro di multe per il passaggio nella zona a traffico limitato di Mestre. E’ questo il prezzo che dovrebbe pagare A.C., pensionato 81enne, reo di aver attraversato 20 volte la ztl con il pass scaduto. Chi sbaglia paga, si dirà a questo punto. Ma la questione è molto più complessa e riguarda una prassi che Adico contesta da tempo semplicemente perché ingiusta e che riguarda appunto il pass. Nel caso specifico, il pensionato aveva rinnovato il permesso nel 2016 con scadenza a luglio 2021. Come succede spesso, però, anche A.C. non si è ricordato della scadenza e da luglio ha continuato ad attraversare con la propria auto il centro, accumulando 20 contravvenzioni. Il pensionato mestrino si è accorto con disappunto della situazione solo a dicembre, quando gli sono arrivate le prime multe. E così, dopo essersi rivolto alla Polizia Municipale, ha scoperto suo malgrado che l’amministrazione lo aveva sì avvertito dell’imminente scadenza, ma con un sms inviato a un numero non più in suo possesso. “Non è ammissibile che un cittadino, fra l’altro molto anziano, si ritrovi con 2 mila euro di multe per essersi dimenticato di rinnovare il permesso attivato 5 anni prima – tuona Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. In questo modo si rovinano le persone, ci rendiamo conto? Chiediamo da tempo di trovare una soluzione per scongiurare queste situazioni. E sarebbe l’sms la soluzione adeguata? In questo modo si crea sempre più distanza fra il cittadino-contribuente e le amministrazioni, viste come slot machine mangia soldi interessate solo a fare cassa, soprattutto con le violazioni stradali”. L’anziano ora ha presentato ricorso tramite l’ufficio legale dell’Adico che ha messo in luce l’assurdità della vicenda. “Il nostro assistito – conclude Garofolini – ha sempre rinnovato con puntualità e pagato regolarmente per il pass ztl. In questo caso non si è ricordato della scadenza ma dopo cinque anni può anche succedere. Non può succedere, invece, che per questo debba pagare 2 mila euro perché il messaggio del Comune gli è arrivato su un numero non più attivo e le prima contravvenzioni si sono materializzare a dicembre quando ormai la frittata era bella che fatta. Il buon senso, dunque, suggerisce di cancellare quelle violazioni perché palesemente ingiuste. Di contro, è giunto il momento di trovare strumenti più adeguati per avvertire i diretti interessati dell’imminente scadenza di un pass che scade dopo anni”.

4 risposte

  1. Sono più che concorde nel sostenere l’annullamento delle multe nei confronti del cittadino. Colgo l’occasione per inoltrare le mie perplessità circa la gestione globale di AVM e quella del Comune relativamente a multe verso gli automobilisti. In certi casi, sembrerebbe esistessero due pesi e due misure nei confronti del cittadino, supposto che si trovi nelle maglie dei controlli di AVM piuttosto che in quelle della Polizia Municipale. AVM rastrella a tappeto (giustamente) anche un quarto d’ora prima della scadenza (h. 20) dell’obbligo ad esporre il ticket del parcheggio sulle strisce blu. I vigili, chiamati anche per parcheggio selvaggio (vedi via Costa) non irrogano sanzioni con la stessa costanza degli ausiliari. Ma ci sono altre cose che nonostante le segnalazioni non vengono prese in considerazione. Ad esempio il T Red (4 secondi di durata del giallo) del semaforo all’incrocio di viale Ancona e via Forte Marghera, e la sua pericolosità consistente nel concedere il verde (come in altre vie congestionate dal traffico) contemporaneamente ad auto, pedoni e bici. Oppure, la corsia rossa riservata all’attraversamento pedonale delle bici posta in zone ad alto traffico, come di fronte alla LDL supermercati del terraglio e in via Carducci/Piazzale Donatori di Sangue. Se le prime, come l’avviso al signore fatto via sms, denotano scarsa capacità logistica, le seconde rappresentano un trattamento dispari tra cittadini oltre che una minaccia alla loro integrità negli ultimi casi portati come esempio.

    1. Salve signor Tombolani la ringrazio vivamente per il suo intervento e devo dirle che ho sorriso al passaggio “rastrella a tappeto (giustamente) anche un quarto d’ora prima della scadenza (h. 20) dell’obbligo ad esporre il ticket del parcheggio sulle strisce blu” perchè le dico che ho visto ausiliari dare le multe alle 20 meno due minuti ad auto che magari avevano parcheggiato cinque minuti prima. E’ giusto, per carità, ma dà l’idea di un intervento mirato esclusivamente a fare cassa…ma è solo un’impressione, eh….
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.