RICEVONO IL CONTRATTO DI LUCE E GAS DA GREEN NETWORK PUR NON AVENDOLO MAI RICHIESTO. TRE UTENTI VENEZIANI SI RIVOLGONO ALL’ADICO PER DENUNCIARE LA SITUAZIONE E PER CHIEDERE IL RECESSO. GAROFOLINI: “VICENDE INQUIETANTI”

C’era una volta il contratto cartaceo. Lo si leggeva tutto, si cercava di capire le condizioni proposte, a volte ci si indignava di fronte agli asterischi che richiamavano a condizioni scritte in caratteri minuscoli. Poi è subentrata la possibilità di stipulare contratti telefonici, e tante persone, soprattutto anziane si sono ritrovate servite da nuovi gestori, senza neppure rendersene conto, dopo aver ricevuto una telefonata da call center sempre più aggressivi. Beh, ora la frontiera della fornitura di gas e di energia elettrica si arricchisce di una nuova modalità: il contratto avviato dall’azienda senza che il diretto interessato ne abbia fatto richiesta. Leader di questa “strategia”, seguendo le segnalazioni che giungono alla nostra associazione, è Green Network anche se non è la sola azienda che si comporta così. Però, solo nell’ultimo mese, Adico sta seguendo tre casi di altrettanti utenti veneziani che si sono ritrovati clienti Green Network senza averne mai fatto richiesta e senza aver ricevuto alcuna telefonata. “Queste persone hanno ricevuto a casa un contratto mai stipulato – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Non stiamo parlando di utenti che, dopo aver ricevuto una chiamata dal call center, si ritrovano con un nuovo operatore pur convinti di non aver mai pronunciato un “sì” durante la telefonata. Qui il contratto arriva senza che vi sia stato nessun contatto prima fra l’azienda e il diretto interessato. C’è solo un aggettivo per definire questa situazione: inquietante. Tramite il nostro ufficio legale stiamo chiedendo il recesso resta il fatto che l’Autorità garante per l’energia elettrica e il gas, la quale riceve per conoscenza tutte le nostre diffide legate alle forniture, deve assolutamente intervenire perché ormai ci troviamo in un mercato a dir poco selvaggio”.

Una risposta

  1. Ci troviamo in una situazione da non sopportare più e una vergogna un martellamento continuò anche a trattarli male non esiste una legge che ci protegge?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.