INCIDENTI SU MEZZI ACTV, GRAZIE ALL’INTERVENTO DELL’ADICO L’AZIENDA RICONOSCE LE PROPRIE RESPONSABILITA’ E RISARCISCE DUE PASSEGGERI

900 euro all’insegnante di origine pugliesi che ha subito una distorsione cervicale a causa del tamponamento fra l’autobus su cui viaggiava e un altro autobus e 400 euro a uno studente ferito dopo un scontro fra il “suo” vaporetto e una bricola. Per due soci dell’Adico vittime di incidenti occorsi su mezzi Actv, il mese di luglio ha riservato buone sorprese, grazie all’intervento dello sportello “Risarcimento danni”  dell’associazione che ha contestato all’azienda le palesi responsabilità per entrambe le vicende e ha ottenuto dall’assicurazione di Actv il risarcimento per tutti e due i soci. La vicenda dell’insegnante pugliese risale allo scorso 8 marzo, quando a Mestre un autobus di linea ne ha tamponato un altro. La donna, seduta sul retro del bus tamponato, ha riportato una distorsione cervicale che le ha provocato una lunga serie di problemi fisici e di disagi. S’è dunque rivolta all’Adico per richiedere ad Actv un risarcimento e da subito l’assicurazione dell’azienda ha richiesto tutta la documentazione necessaria per aprire la pratica. “Come contestato dal nostro ufficio legale – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – le responsabilità di Actv in questo incidente sono palesi. Il tamponamento, infatti, è avvenuto fra mezzi due mezzi dell’azienda. Qualche giorno fa alla donna è stato accordato un risarcimento di 900 euro”. A dicembre 2015, invece, uno studente residente e Venezia è caduto nel vaporetto in cui viaggiava dopo l’urto con una bricola e ha riportato diverse lesioni. L’assicurazione, dopo l’intervento dell’Adico, ha riconosciuto un risarcimento di 400 euro. “In queste due vicende – continua Garofolini – abbiamo riscontrato la correttezza di Actv, che, anche di fronte alle proprie palesi responsabilità, ha accolto in tempi relativamente brevi le nostre richieste. Ora abbiamo aperte altre posizioni, in particolare quella di un ragazzo che poco tempo fa è scivolato sul pavimento bagnato del vaporetto, ferendosi alla fronte. Attendiamo anche in questo caso una risposta positiva dell’assicurazione e, visto che ogni anno seguiamo diverse richieste di risarcimento danni nei confronti di Actv, auspichiamo una collaborazione diretta con l’azienda su questa materia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.