Nel 2021 tornano protagoniste le problematiche con luce e gas. Decine le pratiche aperte da Adico nelle ultime settimane

MESTRE. Bollette pazze, contratti attivati ma non richiesti, tassazione superiore ai consumi. Dopo un anno di sostanziale “pace” – dovuta probabilmente al surrealismo di un periodo in cui sono esplose magagne di ogni genere legate soprattutto ai ristori e ai rimborsi (oltre, ovviamente, alla salute) – le problematiche con le forniture di luce e gas tornano a essere fra le principali protagoniste dell’attività svolta da Adico a favore dei consumatori e degli utenti. Nel 2021 l’associazione ha già aperto decine di pratiche, in primo luogo in riferimento a bollette dagli importi spropositati o comunque incomprensibili. In questo caso, spiegano dall’Adico, “possiamo contare su un rapporto diretto con i referenti delle principali compagnie, Eni ed Enel in testa. Con queste aziende abbiamo trovato buoni canali di comunicazione dopo aver combattuto molte battaglie nei loro confronti. Per noi e per i nostri soci questo rappresenta un enorme vantaggio ma anche per le stesse aziende che possono risolvere situazioni da affrontare altrimenti in altre sedi”. I contratti non richiesti rientrano invece in quel settore dei venditori porta a porta (ma anche dei call center) caratterizzato a volte da “commerciali” senza scrupolo che, pur di strappare un contratto, presentano condizioni ben differenti da quelle reali. “I casi limite – continuano dall’associazione – sono rappresentati da venditori che si presentano con cartellini fasulli o che fotografano documenti sensibili per poi auto-siglare contratti con firme false”. La tassazione, invece, continua a spiazzare molti utenti. “A volte le imposte hanno importi uguali ai consumi – commentano da Adico -. Succede però che alcuni cittadini non riescano a leggere bene la bolletta e pensano che su 4 voci rappresentate nella fattura (consumi, trasporto del contatore, oneri di sistema, imposte) solo la prima si riferisca alla concreta fornitura. In realtà anche la seconda dipende dai consumi. Ed è importante saperlo prima di contestare l’anomalia”. Gli utenti che ravvisino problematiche con la propria utenza, possono rivolgersi al servizio bollette luce e gas.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *